EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Terra Santa, Gerusalemme apre le sue porte al mondo

23 novembre 2016, Chiesa di San Carlo al Corso – Milano

La conclusione dell’Anno Santo della Misericordia, con i riti di chiusura delle Porte Sante aperte in tutto il mondo, ha suggerito a Geaway Tour Operator di organizzare l’annuale e, ormai tradizionale, evento di promozione commerciale, valorizzando l’immagine delle porte con la loro capacità di aprire o chiudere orizzonti di senso e speranza.

Gerusalemme apre le sue porte al mondo” è stato, infatti, il titolo dell’incontro che si è svolto a Milano, nella mattinata di mercoledì 23 novembre, presso la Sala Verde del complesso della Basilica di San Carlo al Corso.

L’iniziativa, nata in collaborazione con l’Ente del Turismo Israeliano, ha visto anche la presenza della compagnia aerea El Al e della Custodia di Terrasanta.

Queste tre realtà, dopo il benvenuto di Enzo Toniutto e Silvana Brusamolino (rispettivamente amministratore e responsabile commerciale di Geaway T.O.), hanno rivolto ai presenti un breve saluto, ribadendo il grande lavoro svolto in questi anni da Geaway nel promuovere e valorizzare la terra di Israele. Avital Kotzer Adari e Maria Grazia Falcone, responsabili dell’Ente del Turismo Israeliano, hanno sottolineato la ricchezza di una terra in cui convivono diverse fedi e culture, tutte comunque accomunate da una Parola che le unisce. Aurora Mirata ha invece ribadito, a nome della compagnia di bandiera El Al, la lunga amicizia che lega la sua azienda a Geaway, un Tour Operator che non ha mai smesso di credere nell’importanza della Terrasanta, anche in momenti non facili. Infine, Padre Francesco Ielpo, Commissario per la Lombardia della Custodia di Terrasanta, ha concluso la carrellata di saluti, sottolineando il valore aggiunto, in termini di cambiamento del cuore e della mente, che l’esperienza del pellegrinaggio può dare al semplice viaggio in Israele.

Ma l’apice dell’evento è stato raggiunto grazie alle due conferenze (vedi allegati) tenute dal biblista don Giacomo Perego e dallo psicanalista prof. Donato Santarcangelo. I loro interventi sono stati, in effetti, un commento a quattro mani delle immagini e dei simboli presenti nell’ultimo capitolo del vangelo di Giovanni, il ventunesimo. Ciò che ha colpito i presenti e che li ha notevolmente affascinati è stata la capacità dei relatori di tradurre e attualizzare, da un punto di vista biblico e psicanalitico, la ricchezza di una Parola antica e, comunque, sempre nuova. Da qui l’importanza del viaggio-pellegrinaggio in Israele, occasione unica e speciale perché ciascuno possa scrivere il proprio e irripetibile “quinto evangelo” dal momento che, come scrive Giovanni al termine del suo vangelo, “vi sono ancora molte altre cose compiute da Gesù che, se fossero scritte una per una, penso che il mondo stesso non basterebbe a contenere i libri che si dovrebbero scrivere” (Gv 21,25).

A tutti, prima del rinfresco, è stata offerta la proiezione di un breve filmato su Israele, realizzato dall’Ente del Turismo Israeliano (vedi sotto).

Sri Lanka. l’isola Splendente

08 ottobre 2015, Circolo filologico Milanese – Milano

Anche quest’anno GEAWAY continua la tradizione degli eventi che promuovono una particolare destinazione. Dopo Cuba, Armenia, Iran ed Etiopia, quest’anno è toccato allo Sri Lanka. Così, giovedì 8 ottobre 2015, il più antico circolo della città, il prestigioso Filologico di via Clerici 10 a Milano, ha ospitato l’evento “SRI LANKA, L’ISOLA SPLENDENTE”. All’appuntamento hanno partecipato quasi 130 persone, in rappresentanza di parrocchie, cral aziendali, associazioni, università e agenzie di viaggio.

La serata è iniziata con i saluti di Enzo Toniutto, amministratore della GEAWAY, il quale ha sottolineato l’eccellenza del Circolo filologico che tra i soci ha annoverato uomini del calibro di Achille Ratti, futuro papa Pio XI; padre Agostino Gemelli; Carlo Emilio Gadda; Rabindranath Tagore, Tatiana Tolstoj, e che da sempre – con una lungimiranza non comune per i tempi in cui fu fondato – ha promosso lo studio di lingue e culture straniere. Quindi è stata data parola al rev. Mahagama Wipulasiri Theru, che, con due monaci dell’International Buddhist Centre di Milano, ha recitato una preghiera propiziatoria, volta ad augurare la buona riuscita della serata. Sono seguite due brevi presentazioni da parte di Claudio Lazzati e di Yoga Kathamuthu, rispettivamente rappresentanti dell’Oman Air, partner per i voli, e del gruppo Jetwing, corrispondente locale di GEAWAY per i servizi a terra in Sri Lanka. La serie dei saluti si è conclusa con l’intervento di Malindu Perera, responsabile del padiglione Sri Lanka all’EXPO di Milano.

Alla storica d’arte Anita Kuhta è toccato invece il compito di presentare, con l’ausilio di slides, lo Sri Lanka, partendo da un tuffo nella geografia e storia di questo antico Paese, dove, secondo una leggenda, fuggì Adamo quando fu cacciato dal paradiso terrestre. Parlando delle condizioni climatiche e geofisiche del territorio e delle diverse popolazioni che l’abitano, toccando i dolorosi scontri tra Tamil e Singalesi, senza dimenticare l’ultimo tremendo maremoto che ha colpito questo Paese nel 2004, la conferenza ha dato un’immagine polivalente di questa piccola e straordinaria isola, detta anche “lacrima dell’India”. Il tutto è stato quindi inserito in un quadro storico che comprende varie epoche: il tempo del leggendario principe Rama; i primi regni buddhisti di Anuradaphura e Pollonaruwa; l’arrivo di Greci, Arabi e Cinesi che la battezzarono Taprobane, Serendib e Sinhale; la colonizzazione europea da parte di portoghesi, olandesi e inglesi quando l’isola diventa Ceilao e poi Ceylon; infine l’indipendenza ottenuta nel metà del XX sec. Alla luce di queste considerazioni geografiche e storiche infine sono state illustrate le principali tappe di un viaggio, che può offrire percorsi naturalistici per gli appassionati della flora e fauna; spiagge meravigliose per gli amanti del relax balneare; cliniche della salute per i cultori della medicina alternativa; e, non da ultimo, ricchissimi contenuti per i viaggiatori che hanno interessi storici, culturali, artistici e religiosi …

Immagini di città storiche – (Colombo, Anuradaphura, Pollonaruwa, Sigiriya, Kandy, Katharagama, Galle, Jaffna …), fotografie scattate nei vari parchi nazionali (Wilipattu, Minneriya, Yala, Kosgoda …), scorci di straordinari paesaggi (il picco d’Adamo, piantagioni di tè, diverse spiagge, l’oceano cristallino…), particolari dei volti della gente e dei loro mestieri … hanno regalato ai presenti un assaggio delle emozioni che l’Isola Splendente riserva a quanti vogliono scoprire i suoi tesori.

Alla fine della conferenza la GEAWAY ha ringraziato i presenti offrendo a tutti un rinfresco allestito sulla balconata da cui e possibile ammirare la sala conferenze in stile liberty dove si è svolto l’evento e dove, dopo la preghiera di benedizione del rev. Malcolm Perera della Sri Lankan Catholic Community, sono seguite le danze tradizionali eseguite dai ballerini in costume del complesso Dance Sri Lanka, una piacevolissima sorpresa offerta da Jetwing Italia.

Lo staff di GEAWAY

Il Video dell’evento

Le Foto dell’evento

 

Ethiopia, Il paese della Regina di Saba

26 settembre 2014, Residenza Vignale, Milano

ETIOPIA, Il paese della Regina di Saba

La GEAWAY T.O., con ventennale esperienza nel settore dei viaggi di fede e cultura, anche quest’anno ha proseguito nella tradizionale organizzazione degli eventi che promuovono una particolare destinazione. Dopo Cuba, l’Armenia e l’Iran, eventi svoltisi negli anni precedenti, e la volta dell’Etiopia.  Venerdì 26 settembre 2014, la residenza Vignale, via Enrico Toti a Milano ha ospitato “VIAGGIO IN ETIOPIA, PAESE DELLA REGINA DI SABA”. All’evento hanno partecipato più di 100 persone, provenienti da CRAL, associazioni, università, agenzie di viaggio e parrocchie.

La serata è iniziata con i saluti a tutti i presenti, in particolare agli ospiti etiopi da parte del sig. Enzo Toniutto, amministratore della Geaway, che ha delineato il profilo e la programmazione 2014/15. E’ seguita una brevissima presentazione della principesca residenza Vignale da parte della amministratrice, sig.ra Maria Luisa Menni. Nella prima parte dedicata alla presentazione dell’azienda, per primo è intervenuto il sig. Marco Trufelli, direttore tecnico, che descrivendo il metodo di lavoro ha presentato lo staff dell’ufficio: Laura Orlandi, Simona Cavenago, Patrizia Mongiardo e Liliana Mauri. La presentazione viene conclusa dal sig. Mario Toniutto, che ha sottolineato l’attenzione con cui il settore commerciale dialoga con i clienti e dalla sig.ra Silvana Brusamolino che ha promosso il tema della Sindone, in vista dell’ostensione del 2015 e dell’educational di novembre in Turchia orientale.

Ha preso la parola poi dott.ssa Lina Ranavolo, direttrice dell’Ethiopian Airlines di Milano che, dopo aver illustrato le caratteristiche fondamentali della destinazione Etiopia, ha evidenziato la particolare cura con cui l’Ethiopian, la più grande e la più moderna compagnia aerea africana, si rivolge sia ai singoli sia ai gruppi. In seguito ha elencato alcuni vantaggi del volare con questo vettore aereo, come i voli diretti da Milano e Roma, con degli ottimi operativi e con le conseguenti agevolazioni sui voli domestici.

Infine la sig.ra Anita Kuhta, storica d’arte, ha presentato tre possibili itinerari per un viaggio in Etiopia, partendo sempre dalla capitale Addis Abeba. Il primo tour comprende le città storiche del Nord: Bahirdar, Axum, Gonder e Lalibela, ricchissime di testimonianze culturali e religiose; con l’aggiunta di bellezze paesaggistiche del parco nazionale Simien, del Nilo Azzurro e del lago Tana. Il secondo itinerario ci porta a sud, nella Valle d’Omo, e ci regala un’esperienza etnografica e antropologica unica al mondo grazie alla presenza di un centinaio di diverse etnie ancora incontaminate dalla civiltà consumistica. Il terzo percorso è la scoperta di un Pianeta Terra all’alba dei tempi dove scavi archeo-antropologici nel 1974 hanno portato alla luce Lucy, la più antica progenitrice della specie umana: si tratta della Dancalia o depressione di Afar, con le sue immense e coloratissime distese di sale e il vulcano Ertha Ale che emoziona con le sua attività instancabile.

Alla fine della conferenza la Geaway ha ringraziato i presenti offrendo a tutti un rinfresco allestito in questa splendida dimora storica, non prima però di una particolare benedizione: Abba Samuel e Abba Ghebredihn, i due sacerdoti etiopi, hanno recitato una preghiera nella loro bellissima lingua, l’amharico. Inoltre, il 26 settembre è vigilia di Meskel, festa dell’esaltazione della Santa Croce.  Proprio una bella data per presentare l’Etiopia, di cui le croci sono un simbolo nazionale …

Lo staff di GEAWAY

 

Il video, Conferenza GeaWay – Ethiopia, Il Paese della regina di Saba
Le foto dell’evento

Convegno, accademia delle antiche civilita’

Le vie delle Spezie, come l’oriente ha aromatizzato l’occidente

19 settembre 2015, Biblioteca Ambrosiana, Milano

 

Iran – la terra di cui partirono i Magi, coraggiosi cercatori di Dio

27 settembre 2013, Sala Capitolare della Basilica di S. Eustorgio, Milano

Persia, la terra di cui partirono i Magi, coraggiosi “cercatori di Dio”

Al termine dell’anno della fede GEAWAY ha voluto organizzare una tavola rotonda sull’Iran, l’antica Persia a partire da una verità che è stata tramandata dalla tradizione cristiana, ovvero che i Magi “corraggiosi cercatori di Dio” e come tali, immagine di ogni credente, siano partiti proprio da queste terre nel  loro viaggio  alla  ricerca  dell’Assoluto. L’evento  si è svolto nel  complesso  della Basilica di     S. Eustorgio, luogo che conserva parte delle Reliquie dei Santi Magi, donate dall’imperatore d’Oriente Costantino al vescovo di Milano Eustorgio.

Compiere un viaggio in Iran per un credente significa da un lato riscoprire il punto di partenza del cammino dei Patriarchi verso la Terra Promessa, dall’altro rivivere l’esperienza drammatica dell’esilio del popolo ebraico in terra straniera e della liberazione grazie all’Editto del imperatore persiano Ciro il Grande.

Al di là di una prospettiva specificamente cristiana, visitare questa meravigliosa terra significa entrare in contatto con un ricchissimo patrimonio storico e culturale, considerato culla (oltre diecimila anni) e crocevia (via della Seta) delle civiltà, come ci è stato illustrato dalla dott.ssa Anita Kuhta.

Inoltre, scoprendo questa nazione abbiamo l’opportunità di entrare in dialogo con gente aperta e curiosa, che capovolge i preconcetti “negativi” sull’islam sciita, imposti dai mass-media occidentali, come ci è stato testimoniato da diversi partecipanti ai nostri viaggi, e in particolare, da don Paolo Citran.

Il convegno, aperto dai saluti di don Giorgio Riva, prevosto di S. Eustorgio e di Enzo Toniutto, amministratore di GEAWAY, sapientemente condotto da Silvana Brusamolino, ha visto la presenza di sacerdoti, incaricati parrocchiali per il turismo, responsabili di vari CRAL e associazioni culturali. L’evento si è concluso con una piacevole visita alla Cappella Portinari, guidata dal prof. Luciano Formica.

Certamente, alla serata non poteva mancare … un rinfresco conviviale svoltosi presso gli spazi del primo chiostro, sotto la protezione benevola dei sapienti Magi che ci ricordano da oltre due millenni quanto è importante mettersi in cammino e cercare. Con noi c’è anche la stella, loro guida celeste, uno dei più amati simboli natalizi: ci guarda dal punto più alto del duecentesco campanile di S. Eustorgio.

Per finire una coincidenza singolare: l’evento si è svolto il 27 settembre 2013, giorno in cui si sono telefonati, dopo 34 anni di gelo diplomatico tra Iran e USA, i presidenti Hassan Rowhani e Barack Obama. Auguriamo che i rapporti futuri tra i due paesi siano guidati da una buona stella …

Lo staff di GEAWAY

Il Video dell’evento

Conferenza GeaWay

Incontro con il Mullah Milani a Qom – Un nostro gruppo in viaggio in Iran agosto 2013

Armenia, Viaggio in una cristianità di frontiera

27 settembre 2012, casa Armena – Milano

“Viaggio in una cristianita’ di frontiera”

Una storia di fedeltà al messaggio evangelico fino al sacrificio, perche’ e’ nella croce che il popolo armeno si è identificato. (Giovanni Paolo II)

Nell’imminente inizio dell’anno della fede (11 ottobre) indetto dal Santo Padre Benedetto XVI, abbiamo voluto proporre una conferenza/riflessione sull’Armenia, dando vita ad una serata alla Casa Armena a Milano lo scorso 27 settembre, alla quale hanno preso parte tante persone, sacerdoti e laici per ascoltare la relazione del Prof. Aldo Ferrari, docente di lingua e letteratura armena e storia del Caucaso presso l’Unviversità Ca’ Foscari di Venezia.
Prima ancora che di una regione definita geograficamente, si e’ parlato di un popolo che nella sua storia ha saputo coniugare fede e cultura, nazionalità e religione, anche attraverso la nascita dell’alfabeto, che ha segnato in maniera decisiva il suo destino.
Anche a  causa della propria fede cristiana, fu il primo popolo ad abbracciarla con l’opera evangelizzatrice iniziata dagli apostoli Bartolomeo e Taddeo, seguita dalla conversione nel 301 dovuta all’apostolato di S. Gregorio l’Illuminatore, il popolo armeno subì invasioni,  massacri e persecuzioni culminati con il genocidio del 1915.
Oggi a noi può testimoniare che la morte fisica non è l’ultima parola.
….dal dolore inesprimibile dell’Amore, nasce la potenza che trionfa sulla morte…(G.Paolo II udienza 14 settembre 2000 ai pellegrini del Patriarcato Armeno Cattolico).
Il nostro lavoro, che vuole essere sempre una proposta di itinerari di fede e cultura, cerca di non rimanere alla superficie o casualità degli itinerari, ma di mettere in moto un desiderio di scoprire la storia dei popoli e delle loro culture, insomma, di viaggiare spalancando gli occhi e soprattutto il cuore.

 

Il Video dell’evento
Le foto dell’evento

Partire per Cuba ?

Convegno GeaWay del 22 marzo 2012

PERCHE’ GIOVANNI PAOLO II E BENEDETTO XVI HANNO SCELTO QUEST’ISOLA COME TAPPA SIGNIFICATIVA DI UN LORO VIAGGIO APOSTOLICO ?

Potete vedere un video di 12 minuti che riassume i principali contenuti del convegno che GeaWay ha organizzato giovedì 22 marzo 2012 inititolato “Partire per Cuba – Sulle orme di Giovanni Paolo II e Benedetto XVI”.

Il convegno ha visto la presenza del Console cubano Dott. Eduardo Vidal e del Direttore dell’Ente del Turismo di Cuba a Milano Aleida Castellanos.
Numerosa è stata la partecipazione di sacerdoti e responsabili parrocchiali della Pastorale del Turismo.

Tra loro alcuni hanno comunicato la propria esperienza di viaggio a Cuba.
Alla luce delle famose parole di Giovanni Paolo II – “Cuba apriti al mondo, mondo apriti a Cuba” – sempre più Cuba sta facendo emergere, al di là di ogni banalizzazione, la propria vera anima ricca di storia, fede e cultura.
Se ne volete sapere di più contattateci.

 

Il Video dell’evento

 


Hanno partecipato:

Eduardo Vidal, Console Generale di Cuba a Milano

Aleida Castellanos, direttore dell’Ente del Turismo di Cuba a Milano

– David Bermudez, Agente di viaggio Cubano

– Marcella Rusconi, GeaWay Tour Operator

e con la testimonianza di:

– Don Francesco Rocchi – Parrocco Emerito di Inveruno

– Don Innocente Binda – Prevosto di Cologno Monzese